Soluzioni
Consulenza
Formazione
Area Clienti


NEWS

 


    tutte le news                news privacy                news sicurezza 81                news antiriciclaggio
Lavoro: confsal lancia campagna sulla sicurezza

Dopo le ultime morti bianche parte la campagna nazionale per la sicurezza sul lavoro.

L’iniziativa è firmata dalla Confsal (Confederazione Generale dei Sindacati Autonomi dei Lavoratori).

La Confederazione rilancia infatti la riflessione sul problema della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro soprattutto al fine di favorire una condotta socialmente responsabile.

Morire di lavoro è illecito e lavorare per vivere è un diritto, per questo, la Confederazione promuove sul territorio, fino al 3 maggio 2008, attraverso le sue strutture regionali e le federazioni aderenti, una campagna informativa sul Decreto Legislativo 626/94 e sul Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro approvato il 1° aprile.

Lo scopo è prendere le distanze da certi ritualismi tipici del 1 maggio che vedono le città tappezzate di manifesti, le piazze occupate per concerti e comizi dove, a parole, tutti i problemi del lavoro e dei lavoratori vengono affrontati, denunciati e … risolti.

“Con questa iniziativa possiamo, tra l’altro, dare una piccola ma significativa risposta a chi tramite stampa e illustri tribune attacca il movimento sindacale senza, per altro, riconoscere la sua importante funzione sociale e catalogando i suoi dirigenti come i professionisti del veto e del no”, ha dichiarato il segretario generale Marco Paolo Nigi.

E ha proseguito: “L’occasione è opportuna per ricordare che è tempo che le controparti, iniziando da Confindustria, dicano alcuni sì”. Si quindi “alla vigilanza e ai dovuti investimenti nella sicurezza nei posti di lavoro, per garantire la salute dei lavoratori”, si “al rinnovo dei contratti per garantire il potere d’acquisto delle retribuzioni”, si “all’emersione dal “nero” per assicurare legalità e più entrate per fisco e previdenza e così riconoscere la dovuta pensione ai prestatori d’opera” e “a nuove relazioni sindacali nell’ottica dell’inclusione e non dell’esclusione di importanti parti sociali rappresentati dal sindacalismo autonomo italiano di cui la Confsal è la massima espressione”.

Nigi ha concluso: “Lanciamo questo messaggio perché riteniamo che la tutela e la difesa del lavoratore e in primo luogo la sua incolumità e salute siano valori imprescindibili che il sindacato deve sempre e comunque tenere nella massima considerazione”.




HOME  -  SOCIETÀ  -  ORGANIZZAZIONE  -  SALA STAMPA  -  CONTATTI  -  MAPPA DEL SITO
©2003-2022 Alavie Srl - P.IVA 03820160962 - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy
Media system Service