Soluzioni
Consulenza
Formazione
Area Clienti


NEWS

 


    tutte le news                news privacy                news sicurezza 81                news antiriciclaggio
Salvaguardia dati personali: è emergenza per il Garante

La protezione dei dati non è più un lusso o una raffinatezza, non è più un diritto di quarta generazione, ma è il cuore della società contemporanea. Questo quanto ha dichiarato il Garante della Privacy Francesco Pizzetti alla conferenza annuale dei Garanti europei della privacy che si è aperta a Roma e che vede la partecipazione di 28 paesi.
La conferenza europea delle Autorità garanti per la protezione dei dati personali quest'anno ha al centro dei lavori tre temi fondamentali e cioè la sicurezza, l'impresa e i problemi della comunità commerciale e le nuove tecnologie.
"Questi temi sono visti alla luce della globalizzazione che è il vero fenomeno del Mondo in cui viviamo e che determina grandi possibilità mai viste prima di circolazione di persone, merci e di allargamento dei mercati finanziari - ha dichiarato Pizzetti - il problema della protezione dei dati tocca in modo diverso questi fenomeni". Il Garante ha voluto spiegare che per quanto riguarda la sicurezza "di fronte alla maggior circolazione di tanti milioni di persone c'è un aumento di controlli. Il modo moderno per mettere i muri alle frontiere è chiedere i dati, archiviarli, controllare chi entra e chi esce e come si muove tutto questo può avere dei nuovi problemi di restrizione degli spazi di libertà. Ciò vale anche per la comunità commerciale, oggi si possono anche comprare e vendere titoli in tutto il mondo ma senza sufficienti garanzie di fronte alle frodi perchè spesso questi mercati sono opachi e non si conosce adeguatamente come funzionano ma per avere maggior conoscenza non bisogna pagare il prezzo di essere più controllati".
Per quanto riguarda le telecomunicazioni oggi c'è un'emergenza che riguarda la protezione dei dati. "Il vice presidente di Google Vinton Cerf, ci ha detto che non sanno come proteggere gli utenti dai pericoli della rete possono migliorare le misure tecniche e informare gli utenti ma tutto questo non basta e quello che manca sono delle regole comuni in tutto il mondo".
Per il Garante italiano della privacy è necessario trovare un punto di equilibrio tra l'uso dei dati per la protezione o per l'informazione e l'uso dei dati per spiare.




HOME  -  SOCIETÀ  -  ORGANIZZAZIONE  -  SALA STAMPA  -  CONTATTI  -  MAPPA DEL SITO
©2003-2022 Alavie Srl - P.IVA 03820160962 - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy
Media system Service