Soluzioni
Consulenza
Formazione
Area Clienti


NEWS

 


    tutte le news                news privacy                news sicurezza 81                news antiriciclaggio
Il medico in azienda? Vantaggi per tutti

Si è svolto ieri, nella sede di Confindustria in via IV Novembre, un convegno, proposto da Assoservizi, dal titolo "Datore di lavoro, il tuo medico è un onere o una risorsa?". L'appuntamento ha toccato il tema della sicurezza in azienda, fornendo ai molti imprenditori intervenuti strumenti conoscitivi utili riguardo al decreto legislativo 626/94, e dunque sugli obblighi di legge relativi alla sorveglianza sanitaria nelle imprese.

«Le motivazioni dell'incontro - spiega Giuseppe Sergi, responsabile unità operativa Medicina del lavoro dell'Asl piacentina - sono date dall'emersione di criticità date soprattutto dalla scarsa collaborazione tra datore di lavoro e medico competente. Collaborazione che sta alla base della tutela dei lavoratori nelle aziende locali». Il seminario, infatti, ha posto l'attenzione sulla necessità di unità di intenti. «Se la sorveglianza sanitaria - continua Sergi - viene gestita come un aggravio, diventa una spesa e basta. Una gestione integrata per i datori di lavoro, collaborando con il medico competente, invece, rappresenta per le aziende dov'è seguito questo iter un beneficio anche per la produttività».

In seguito, Antonella Marchettini e Giovanna Antonioni, rispettivamente infermiera professionale e assistente sanitaria dell'Asl, hanno illustrato il quadro normativo della legge 626 - con particolare attenzione agli articoli 4 e 17, inerenti al tema - ed esposto i risultati dell'indagine svolta dal servizio di Medicina del lavoro sui problemi affiorati nei rapporti tra datore e medico. "«Sono venute fuori difficoltà - spiega Antonioni - di tipo formale o, magari, riguardo ad obblighi di legge non rispettati».

Poi, Angelo Butera, dell'Asl, ha rilevato nello specifico il rapporto costo beneficio per l'azienda legato alla sorveglianza sanitaria. «L'operato del medico competente non è solo una spesa - chiosa Butera -, ma comporta dei vantaggi, poiché si evita l'insorgenza di malattie professionali, e ciò che si va a spendere in far prevenzione viene poi ripreso in un utile economico produttivo. Si tutelano tutti i lavoratori, in particolare quelli con un ruolo importante nella ditta, i cui giorni di malattia comportano un deficit oneroso». «Il medico competente - aggiunge Giuseppe Cella, responsabile relazioni industriali Confindustria - non dev'essere visto come un'entità terza, rispetto all'attività dell'azienda, ma perfettamente integrato all'interno della stessa. Crediamo che questa figura possa collaborare con noi nell'evitare spese inutili per l'impresa che si trova magari a sostenere esami e attività che non sono perfettamente proprie».

... da liberta.it




HOME  -  SOCIETÀ  -  ORGANIZZAZIONE  -  SALA STAMPA  -  CONTATTI  -  MAPPA DEL SITO
©2003-2022 Alavie Srl - P.IVA 03820160962 - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy
Media system Service