Soluzioni
Consulenza
Formazione
Area Clienti


NEWS

 


    tutte le news                news privacy                news sicurezza 81                news antiriciclaggio
Money Transfer: Regole siano uguali per tutti

Gli operatori del settore Money Transfer chiedono regole uguali per tutti nei trasferimenti di denaro contante: “L’ammontare massimo di denaro contante trasferibile, tra gli altri, da parte degli immigrati verso i paesi di origine, deve essere uguale per tutti, senza discriminazioni fra societa’ di Money Transfer, banche, poste e persone fisiche”.
Questa, in sintesi, la richiesta dell’Afin l’Associazione delle Finanziarie Italiane - che rappresenta anche i principali operatori mondiali del settore del Money transfer - formulata al Sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle Finanze Mario Lettieri e al Presidente della Commissione Finanze e Tesoro del Senato, Giorgio Benvenuto nel corso della Tavola Rotonda sulla bozza del Decreto di recepimento della Terza Direttiva Antiriciclaggio, al quale ha partecipato Renato Righetti, Condirettore Centrale Ufficio Italiano Cambi - Capo Servizio Antiriciclaggio.
La bozza del Decreto, illustrata dal Sottosegretario Mario Lettieri e che sara’ all’esame delle Commissioni Parlamentari Finanza e Tesoro nei prossimi giorni, prevede la riduzione da 12.500 Euro a 5.000 Euro per persona dell’ammontare massimo trasferibile, ma fissa - solo per Money Transfer - un tetto di 2.000 Euro. “Confidiamo che la versione definitiva del Decreto - ha affermato a nome degli operatori Tommaso Di Tanno, Professore di Diritto Tributario Internazionale nell’Universita’ Europea di Roma - non contenga discriminazione fra i vari intermediari, anche perche’ non puo’ sfuggire che porre un limite cosi’ basso spingerebbe la clientela ad utilizzare in modo ancora piu’ intensivo sistemi illeciti di trasferimento di denaro, a partire dall’affidare somme di denaro a parenti e amici per una consegna “a mano” ai destinatari nei Paesi di origine, con la conseguenza di ottenere un risultato esattamente opposto a quello che la legge intende raggiungere”.
“Piu’ aumentano i trasferimenti illegali - ha affermato il vice Presidente dell’Afin Gaetano De Vito - piu’ si compromette la possibilita’ delle autorita’ competenti di ottenere informazioni e svolgere indagini usufruendo dei controlli che da diverso tempo gli operatori del money transfer svolgono con competenza e puntualita’ sulle transazioni individuali”.
L’ Afin, insieme agli operatori del settore suggerisce pertanto di eliminare dal testo del decreto la soglia minima di questi trasferimenti corrispondente a 2.000 Euro con lo scopo di ricondurla alla soglia di 5.000 Euro corrispondente al nuovo tetto massimo (in luogo, ricordiamo, dell’attuale limite di 12.500 Euro), gia’ previsto nel decreto in esame, per tutti gli altri trasferimenti di contante effettuati dalle banche, dalle poste nonche’ brevi manu tra persone fisiche.



...diritto-oggi.it




HOME  -  SOCIETÀ  -  ORGANIZZAZIONE  -  SALA STAMPA  -  CONTATTI  -  MAPPA DEL SITO
©2003-2022 Alavie Srl - P.IVA 03820160962 - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy
Media system Service