Soluzioni
Consulenza
Formazione
Area Clienti


NEWS

 


    tutte le news                news privacy                news sicurezza 81                news antiriciclaggio
Test genetici via Internet e la privacy è garantita

Decine di siti in tutto il mondo propongono di ‘predire’ le malattie o identificare il vero padre in via riservata



Il più gettonato è quello di paternità, ma sono ormai tantissimi i test genetici commercializzati su Internet.

I test predittivi riguardano 900 patologie ma centinaia di altre si stanno per aggiungere.

La domanda è esplosa con la proliferazione di siti svizzeri, inglesi, spagnoli, americani o rumeni che offrono kit per prevedere la predisposizione a vari tumori, diagnosticare patologie legate ai geni come l’infertilità, l’emocromatosi, la fibrosi cistica, o valutare la suscettibilità genetica a malattie come trombosi, asma, osteoporosi, o disturbi cardiocircolatori.

Un segmento che cresce al ritmo del 30% annuo e incalza il ricco business dell’analisi genica effettuata attraverso laboratori e ospedali, un mercato da 6 miliardi di dollari.

I kit usati per prelevare un campione di cellule sono simili: niente fiale tipo quelle per il prelievo del sangue, ma piccoli bastoncini cotonati per prelevare un capello, un pelo o un po’ di saliva da chiudere dentro una bustina trasparente e da spedire alla società di analisi. Nel giro di una settimana il risultato dell’analisi arriva via posta, fax, email o se richiesto dal cliente, anche attraverso un meno impersonale colloquio telefonico.


Le vendite della californiana DnaDirect sono cresciute dagli 8,8 milioni di dollari nel 2000 ai 43 del 2005. L'azienda americana offre test genetici a partire da 200 dollari, per individuare la predisposizione a malattie epatiche, disordini metabolici e via dicendo con lo scopo di permettere di adottare stili di vita consoni alla diagnosi, con il vantaggio della riservatezza: evitando di passare per il proprio dottore i risultati non vengono inseriti nella cartella medica. Nella professione medica sono in molti a contestare l’attendibilità dell’informazione e sottolineare i rischi psicologici correlati.

Quale beneficio per un paziente sapere di essere portatore di genotipi che non sono per sé stessi causa di malattia ma comportano un rischio a sviluppare una determinata patologia in seguito all’esposizione di certi fattori ambientali? Può anche succedere, è l’accusa, di pagare profumatamente banali consigli di buon senso come "cessate di fumare".

Il motivo che ha spinto Ryan Phelan, fondatrice di DnaDirect, alla commercializzazione diretta online dei kit genetici è che negli Usa ci sono appena 2mila consulenti genetici, per lo più concentrati in grandi città, pochi di fronte alla crescente richiesta di analisi molecolare. Ora dopo Usa, Francia, Germania anche in Italia è boom dei test di paternità effettuati attraverso l’esame del Dna.

"Le domande si sono moltiplicate per 8 tra il 2000 e il 2005", spiega Alexandra Pickering dell’australiana Dna Solutions, tra i precursori dell’offerta online di test. Un uomo su tre tra chi chiede il test del Dna mosso dal dubbio di non essere padre del figlio della partner, rivela un'indagine diretta da Kermyt Anderson della University of Oklahoma. Quali conseguenze giuridiche? "Per il test di paternità con validità giuridica il prelievo deve essere consensuale ed effettuato in laboratorio per accertare la provenienza dei campioni", spiega Giacoma Mongelli, titolare del laboratorio Genetics&Co che effettua online anche test di paternità informativi.

Da quando per decreto legge di quest’anno il test del Dna viene accettato nelle cause di attribuzione o disconoscimento di paternità senza l’onere di altre prove, la Monelli osserva un aumento delle richieste. Per chi vuole togliersi il dubbio con la massima discrezione, le offerte dilagano su Internet: il prezzo oscilla va dai 300 ai 600 euro a seconda dell’urgenza della richiesta e dal campione di materiale biologico dal quale estrarre il Dna. L’analisi può essere svolta all’insaputa del partner su oggetti personali che riportano tracce di sperma, sudore, sangue, saliva, dallo spazzolino da denti al bicchiere. In fondo il più innocente è il test sul nascituro: all’indirizzo Baby Gender Mentor si può ordinare per 275 dollari un test che nel giro di 2 giorni accerta il sesso del feto sin dalla quinta settimana inviando tre goccia di sangue materno prelevato con un ago sul dito.



... da repubblica.it




HOME  -  SOCIETÀ  -  ORGANIZZAZIONE  -  SALA STAMPA  -  CONTATTI  -  MAPPA DEL SITO
©2003-2022 Alavie Srl - P.IVA 03820160962 - Tutti i diritti riservati - Privacy Policy
Media system Service